Abbellire il Corpo di Cristo

Efesini 5:22-32

22Mogli, siate sottomesse ai vostri mariti, come al Signore; 23il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della chiesa, lui, che è il Salvatore del corpo. 24Ora come la chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli devono essere sottomesse ai loro mariti in ogni cosa. 25Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato se stesso per lei, 26per santificarla dopo averla purificata lavandola con l'acqua della parola, 27per farla comparire davanti a sé, gloriosa, senza macchia, senza ruga o altri simili difetti, ma santa e irreprensibile. 28Allo stesso modo anche i mariti devono amare le loro mogli, come la loro propria persona. Chi ama sua moglie ama se stesso. 29Infatti nessuno odia la propria persona, anzi la nutre e la cura teneramente, come anche Cristo fa per la chiesa, 30poiché siamo membra del suo corpo. 31Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diverranno una carne sola. 32Questo mistero è grande; dico questo riguardo a Cristo e alla chiesa.

Due settimane fa si discuteva su un aspetto del mistero di Cristo in Efesini 3:4, vale a dire, la verità che in Gesù il Messia anche i Gentili, non solo i Giudei, sono parte del popolo di Dio e sono pienamente considerati cittadini con i credenti giudei nella vera Israele, il corpo di Cristo. Questo risulta essere un mistero non perchè sia intelligibile, ma perchè fu mantenuto il segreto per secoli mentre Dio focalizzava il suo piano di salvezza e la sua speciale rivelazione agli ebrei. Ora è stato rivelato nel Vangelo. Nella croce di Cristo si riconciliano a Dio giudei e gentili, in un solo corpo (Efesini 2:16).

IL MISTERO DEL MATRIMONIO

Al giorno d'oggi guardiamo al mistero di Cristo e del suo corpo da un'altra angolatura. Il mistero è semplicemente questo: il significato del matrimonio umano è basato su un altro matrimonio ancora più grande, designato da Dio nel cielo prima della creazione, cioè, il matrimonio di Cristo con la chiesa.

LA RELAZIONE DI UN SOLO CORPO

Lo evinciamo in questi versi: 28-32. Paolo dice nel verso 28-29 che “28 Allo stesso modo anche i mariti devono amare le loro mogli, come la loro propria persona. Chi ama sua moglie ama se stesso. 29 Infatti nessuno odia la propria persona, anzi la nutre e la cura teneramente, come anche Cristo fa per la chiesa, 30 poiché siamo membra del suo corpo.” Ciò a cui Paolo vuole dare l'accento è che l'amore che un marito ha per la propria moglie è come l'amore che quel marito ha per se stesso perchè lei è come fosse il suo stesso corpo. L'amore che Cristo ha per la chiesa è come l'amore che Lui ha per se stesso poichè noi siamo parte del suo stesso corpo. Quindi possiamo fare un confronto: l'unicità di un marito con sua moglie è come l'unicità di Cristo e la sua chiesa.

Nel verso 31 Paolo cita Genesi 2:24 “Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diverranno una carne sola.” In altre parole la ragione per cui un marito ama la propria moglie come se stesso è dato dal fatto che Dio sin dal principio ha designato il matrimonio perchè fosse creata un'unione di “una sola carne”. Se io e mia moglie Noel siamo una sola carne a causa del patto di matrimonio, il mio amore per lei è un profondo senso di amare me stesso.

UN'IMMAGINE DELL' UNIONE DI UNA SOLA CARNE DI CRISTO E DELLA CHIESA

Ora che non troppe cose erano un mistero nell'antico testamento; che molto fu rivelato nel testo di Genesi 2:24. Marito e moglie sono una sola carne. Ancora, Paolo dice nel verso 32, “32 Questo mistero è grande” Quindi qual'è il mistero? Lui continua per definirlo: “dico questo riguardo a Cristo e alla chiesa.” Il mistero che non è pienamente svelato nell'antico testamento era che l'unione di una sola carne di un matrimonio umano è un immagine dell'unione di una sola cane di Cristo e la chiesa.

La nuova angolazione del mistero di Cristo che noi osserviamo oggi, non è quello che vedevamo prima-che il corpo di Cristo è la completezza di colui che porta a compimento ogni cosa in tutti.(1:23) o che il corpo è fatto da Ebrei e gentili che credono in Cristo (3:6)-ma la nuova angolazione del mistero di Cristo oggi è che la chiesa è il corpo di Cristo perchè è la moglie di Cristo, mariti e mogli sono un solo corpo e una sola carne.

COSA SIGNIFICA ESSERE LA MOGLIE DI CRISTO?

Se vogliamo venire a conoscenza di chi siamo oggi come chiesa, il corpo di Cristo-se vogliamo sapere cosa significa essere la chiesa e vivere come la chiesa-abbiamo bisogno di imparare da questo passaggio cosa significa essere la moglie di Cristo. Cosa significa avere Cristo come Sposo?

Ho annotato cinque considerazioni su cosa significa per noi essere la moglie di Cristo. Tre le prenderemo in considerazione stamattina, due nel pomeriggio.

1. CRISTO CI HA AMATI PRIMA CHE FOSSIMO ATTRAENTI

Ciò significa che Cristo ci ha amati prima che noi potessimo essere graziosi.

A DIFFERENZA DI COME NOI SCEGLIAMO LE MOGLI

Verso 25: “25 Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato se stesso per lei” Notiamo l'ordine qui. E' molto importante. Lui amò, e quell'amore lo ha mosso a donare se stesso. Il verso 26 dice che il suo scopo nel donare la propria vita fu per santificare e pulire, nel verso 27 mostra che gli effetti di quella santificazione è di sbarazzarsi delle macchie e delle rughe, per poter fare bella la chiesa con la sua gloria. Quindi l'amore ha preceduto il processo di abbellimento.

In altre parole, Cristo non ha scelto sua moglie nel modo in cui noi lo facciamo. Lui non ha cercato una donna attraente, intelligente o fedele. Lui ha scelto una donna deprezzata e solo dopo ha avviato il processo per renderla attraente, saggia e fedele a costo della sua propria vita.

AMORE LIBERO, INCONDIZIONATO, ELETTO

Il suo amore per noi non comincia come un amore di ammirazione. Il suo primo amore per noi non era una risposta alla nostra bellezza. Non ne avevamo. Il suo primo amore per noi era libero ed incondizionato.

E' l'amore di un'elezione incondizionata descritta in Efesini 1:4 “In lui ci ha eletti prima della creazione del mondo perché fossimo santi e irreprensibili dinanzi a lui” Non siamo stati scelti perchè lui potesse vedere che noi eravamo santi; Lui ci ha scelti perchè aveva pianificato che noi lo diventassimo.

Siamo stati amati con un amore di una rigenerazione incondizionata descritta in Efesini 2:4-5 4 Ma Dio, che è ricco in misericordia, per il grande amore con cui ci ha amati, 5 anche quando eravamo morti nei peccati, ci ha vivificati con Cristo (è per grazia che siete stati salvati).” Dio ha scelto una donna morta come sposa di suo figlio. Le donne morte non cominciano adempiendo a delle condizioni; cominciano resuscitando dai morti, o nascendo di nuovo.

Questo è ciò che è successo ad ogni membro del corpo di Cristo. Prima che potessimo essere graziosi, o sembrare saggi, o essere fedeli, l'amore di Dio ci ha eletti e il suo amore che rigenera ci ha resuscitato dai morti.

UN AMORE ESCLUSIVO, PREZIOSO, DI ALLEANZA

Ora meditiamo su questo per un momento. Dio ha voluto che mia moglie Noel sperimentasse e godesse nell'essere rinforzata e rassicurata dall'amore che le proviene da me, suo marito, che è esclusivamente per lei, e quindi diverso da un amore Cristiano generico che posso provare per una qualsiasi altra donna nel mondo. L'amore di un uomo per la propria moglie è un amore di alleanza che si contraddistingue e che non è condiviso da nessun'altra donna.

Una delle grandi tragedie teologiche e sperimentali nella chiesa di oggi-e una delle più grandi risorse di debolezza della chiesa-è che i Cristiani hanno imparato a gustare un amore da parte di Dio che non è più speciale e prezioso, rassicurante e duraturo, differente dall'amore che generalmente Dio ha nei confronti del mondo, anche questi sono coloro che periscono nella miscredenza. Per duecento anni le chiese americane sono scivolate lontano dalla gloriosa verità che la moglie del figlio di Dio è amata da un amore esclusivo, rigenerante, differente, di alleanza che non corrisponde a come Dio ama il resto del mondo che non è sua moglie.

Oh Dio ama il mondo-Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna (Giovanni 3:16). Esiste un profondo senso di tristezza quando una moglie sa di essere amata da suo marito esattamente come lui ama le altre donne. Il matrimonio fra Cristo e la sua chiesa è labile-la chiesa è labile-Secondo quanto essa si sente amata così amerà coloro che periscono nel mondo. Tuttavia non esiste nessun amore caratteristico che la sceglie, che la riporta in vita e che istituisce un patto con essa senza mai allontanarsi dal renderla migliore.

Quindi, la prima cosa che significa per noi essere la sposa di Cristo è che Cristo ci ha scelti prima che potessimo essere attraenti. Lui ci ha amati e ci ama ancora di un amore esclusivo, differente, eletto, rigenerante, d'alleanza. Al fine di sapere queste cose, bisogna avere lo Spirito che lo testimonia nel tuo cuore, è prezioso e potente oltre le parole.

2. CRISTO HA DATO SE STESSO PER LA CHIESA

La seconda considerazione su cosa significa essere la sposa di Cristo è che Cristo ha dato se stesso per la sua sposa la chiesa.

Verso 25: “25 Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato se stesso per lei”

Ancora Cristo non vuole vincere sua moglie nel mondo in cui gli uomini lo fanno oggi. lui ha pagato un prezzo per lei e questo prezzo era la sua vita stessa. Essere la sposa di Cristo non significa solo essere amati da un amore esclusivo che ci sceglie prima della fondazione del mondo e non significa solo amati da un amore rigenerante che ci resuscita a nuova vita quando eravamo morti nel peccato e nelle nostre trasgressioni,ma anche un amore che sacrifica se stesso morendo per noi (Romani 5:7-10) mentre eravamo senza aiuto, peccatori, blasfemi e nemici.

In altre parole, Lui non è semplicemente morto per una donna indegna o riluttante, ma per una donna che lo ha considerato ripugnante. Non perdiamo la forza di questo concetto. Paolo dice nel verso 25 che Cristo ha dato se stesso per la chiesa. In altre parole, nella sua morte lui aveva la chiesa in una visione speciale. Era per lei-unicamente per lei, specialmente per lei, esclusivamente per lei- che lui è morto. Gli effetti potenti della croce che salva, purifica, santifica, abbellisce erano diretti ad una fidanzata che non solo non era attraente di per sé, ma che trovava Cristo ripugnante e che non aveva nessuna intenzione di sposarlo. Esclusivamente per lei che Cristo ha dato la sua vita. Per noi. Ecco cosa significa essere la sposa di Cristo.

3. CRISTO PURIFICA LA CHIESA DALLA COLPA DEL PECATTO

Terzo, essere la sposa di Cristo significa essere purificati da Lui dalla colpa del peccato.

Versi 25-26: “25 Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato se stesso per lei, 26 per santificarla dopo averla purificata lavandola con l'acqua della parola.”

Se avete necessità di essere lusingati per stare meglio, sappiate che il matrimonio tra Cristo e la sua sposa non vi farà questo effetto. E' un'immagine altamente poco lusinghiera che Lui debba lavarci per poterci sposare. Non eravamo ne attraenti ne belli; eravamo nemici, non amici; ed eravamo sporchi con la colpa e l'oscenità morale del peccato che incombeva sulle nostre teste e dentro di noi. Lui ha scelto noi ed è morto per noi, ci ha fatto risorgere alla vita e ci ha purificato. Ha eliminato la nostra sporcizia. Ci ha lavato e ci ha purificato prima di tutto-Gloria a Dio!

L'acqua del battesimo è una rappresentazione del lavaggio spirituale. Notiamo che la purificazione dal peccato nel verso 26 proviene dal sacrificio stesso di Cristo nel verso 25. Quindi è attraverso il battesimo. Ciò rappresenta una morte con Cristo, come se noi fossimo sotterrati con lui in acqua e lavati da Cristo proprio attraverso quella morte in acqua. In questo modo l'immersione in acqua fornisce una combinazione simbolica perfetta della morte con Cristo e dell'essere lavati da Lui; e queste devono essere combinate tra loro perchè è la morte di Cristo la potenza purificatrice. 1Giovanni 1:7 dice : “il sangue di Gesù ci purifica da ogni peccato.” Il battesimo rappresenta una sepoltura e un lavacro; perchè la sepoltura è il lavacro.

L'IMMAGINE DI EZECHIELE DEL MATRIMONIO DI DIO CON IL SUO POPOLO

Lasciatemi terminare questo messaggio dandovi una delle più grandi immagini bibliche del matrimonio di Dio con il popolo di Israele. E' situato in Ezechiele 16, e credo che Dio voglia mostrarci un'immagine del matrimonio di Cristo con la chiesa. Qui ci fa arrivare a ciò che abbiamo visto prima così lontano e ci fa puntare avanti verso il seguito di ciò che significa essere la sposa di Cristo, ciò che stiamo osservando stasera. Partendo dal verso 3 e leggendo fino al verso 9.

3e di': Così parla il Signore, DIO, a Gerusalemme: "Per la tua origine e per la tua nascita sei del paese del Cananeo; tuo padre era un Amoreo, tua madre un'Ittita. 4Quanto alla tua nascita, il giorno che nascesti l'ombelico non ti fu tagliato, non fosti lavata con acqua per pulirti, non fosti sfregata con sale, né fosti fasciata. 5Nessuno ebbe sguardi di pietà per te, per farti una sola di queste cose, mosso a compassione di te; ma fosti gettata nell'aperta campagna, il giorno che nascesti, per il disprezzo che si aveva di te.

6Io ti passai accanto, vidi che ti dibattevi nel sangue e ti dissi: 'Vivi, tu che sei nel sangue!' Ti ripetei: 'Vivi, tu che sei nel sangue!' (Notiamo il lavoro sovrano di Dio nel prendere una naufraga ripugnante e donandole la vita)

7Io ti farò moltiplicare per miriadi, come il germoglio dei campi. Tu ti sviluppasti, crescesti, giungesti al colmo della bellezza, il tuo seno si formò, la tua capigliatura crebbe abbondante, ma tu eri nuda e scoperta. 8Io ti passai accanto, ti guardai, ed ecco, il tuo tempo era giunto: il tempo degli amori; io stesi su di te il lembo della mia veste e coprii la tua nudità; ti feci un giuramento, entrai in un patto con te", dice il Signore, DIO, "e tu fosti mia. 9Ti lavai con acqua, ti ripulii del sangue che avevi addosso e ti unsi con olio.

Ecco ciò che significa essere la sposa di Cristo. Gettata via, insanguinata, sporca come fosse morta. E poi il Figlio di Dio comincia il percorso. Si ferma. Osserva questa cosa abominevole, oscena, disgustosa come se fosse morta e la copre col sangue, e dice: “Finalmente! Mia moglie. La mia amata. Colei che ho scelto. Vivi!” Lui ritorna quando lei è cresciuta e veste la sua nudità, lava via la sua sporcizia e stipula con lei un patto di matrimonio...in seguito la abbellisce e prepara la sua presentazione in Gloria.

Questo è ciò di cui abbiamo parlato stasera: L'abbellimento e la presentazione della chiesa a Cristo in gloria.

La chiesa è il corpo di Cristo perchè la chiesa è la moglie di Cristo. Essere la moglie di Cristo significa essere amata da Cristo prima di essere attraente. Significa essere amata da un sacrificio d'amore. Significa che Lui ci ha scelti, ci ha resuscitati, ci ha lavati. Tutti voi che siete in Cristo: Lui ti ama come un marito ama la propria moglie, in modo differente, esclusivamente, come nessun'altro in questo mondo.

©2014 Desiring God Foundation. Used by Permission.

Permissions: You are permitted and encouraged to reproduce and distribute this material in its entirety or in unaltered excerpts, as long as you do not charge a fee. For Internet posting, please use only unaltered excerpts (not the content in its entirety) and provide a hyperlink to this page. Any exceptions to the above must be approved by Desiring God.

Please include the following statement on any distributed copy: By John Piper. ©2014 Desiring God Foundation. Website: desiringGod.org